1/28/2010

1/24/2010

1/20/2010

1/10/2010

Il meleto di Tolstoj a Ivrea

MUSEO DELLA CARALE ACCATTINO

Mostra: IL MELETO DI TOLSTOJ

Periodo: 16 - 31 gennaio 2010

Orario di visita: venerdì, sabato, domenica dalle ore 16 alle ore 19


INAUGURAZIONE SABATO 16 gennaio 2010 ALLE ORE 19


Proveniente da Trento, Palazzo Roccabruna, la mostra dedicata alla celebrazione del legame dello scrittore russo con il suo celebre giardino è ospitata al Museo della Carale, in occasione del centenario della morte. Si tratta di un progetto itinerante che dovrebbe ancora toccare la Germania e concludersi a Jasnaja Poljana, nella regione di Tula, 200 chilometri a sud est di Mosca.

Il meleto dei conti di Tolstoj a Jasnaja Poljana, oltre ad essere un interessante esperimento di biodiversità, è diventato di recente un’occasione di confronto interculturale e multidisciplinare volto a superare nazionalismi e separatismi.

Il legame storico con l’Italia e il Trentino in particolare, emerso quando si scoprì che i meli originariamente provenivano dalla Val di Non, ha fornito lo spunto a un evento che coinvolge una ventina di artisti internazionali diversi tra loro per direzione stilistica e ambito di ricerca, ma uniti dallo stesso scopo: rendere omaggio a Tolstoj.

L’aggancio con la città di Ivrea nasce da un breve soggiorno compiuto dallo scrittore russo e raccontato in un recente libro dalla scrittrice eporediese Giuse Lazzari.

Il “meleto” rimanda anche alla dimora di Guido Gozzano ad Agliè.

La mostra si articola in due sezioni, una documentativa e una espositiva.

Da una parte la semina delle idee, l’insieme delle opere pittoriche, plastiche e fotografiche, realizzate in omaggio allo scrittore, dall’altra gli schizzi, i disegni, le fotografie dei taccuini ed i filmati che documentano i viaggi della delegazione trentina effettuati a Tula nel 2007 e nel 2009 per restituire l’antico splendore al celebre meleto.

Il giardino, dichiarato nel 1928 “bene culturale e patrimonio storico dell’umanità”, fu realizzato dallo scrittore: 40 ettari, 8500 alberi, di cui 7900 meli.

Partecipano al progetto:

Adriano Accattino, Burkart Aickele, Roger Ballen, Simona Cesari, Flavia Decarli, Jakob de Chirico, Fulvio de Pellegrin, Paolo Dolzan, Piermario Dorigatti, Wolfgang Faller, Norbert Klora, Roberto Kusterle, Heidi Lichtenberger, Liudmila&Nelson, Eluan Macleod, Mario Postal, Ruggero Radaele, Christian Rothman, Giovanni Rubino, Marco Sbizzera, Mattia Serra, Franco Visintainer